• La direzione presa è giusta

    (intervista pubblicata su l’Adige del 12.04.2017)

    Maurizio Martina, giovane ministro per le Politiche agricole, si sta dividendo in queste settimane tra gli impegni istituzionali – lunedì era a Vinitaly a Verona – e quelli politici, nella campagna per le primarie del Pd del 30 aprile, avendo scelto di scendere in campo al fianco di Matteo Renzi.

    Ministro Martina, l’impressione è che questa volta il popolo delle primarie sarà molto ridimensionato, soprattutto i giovani sembrano aver abbandonato il PD. Orlando sostiene che se parteciperanno meno di due milioni di persone si dovrà parlare di flop. Lei cosa si aspetta?
    Trovo questa polemica preventiva surreale. Il popolo del PD ha sempre saputo sorprenderci. Lo ha fatto anche nei circoli dove più di 260 mila persone hanno già partecipato a un confronto largo sulle idee e sulle proposte per l’Italia. Non sono numeri scontati; sono persone in carne e ossa che dicono la loro. Ora dopo gli iscritti chiediamo agli elettori di darci una mano. Con le primarie del 30 aprile non si sceglie solo il futuro del PD, ma si può dare un messaggio forte di fiducia al Paese.

    E come pensa che il PD possa riuscire a riavvicinarsi a chi si sente deluso o tradito?
    Col massimo impegno per proseguire la sfida di cambiamento dell’Italia. Partiamo dall’ascolto e dalla condivisione delle nostre proposte sul lavoro, sui giovani, per rilanciare uno sviluppo più giusto, più equo, attento al bisogni delle persone, senza lasciare indietro chi è più in difficoltà.

    Lei proviene dai DS, quindi da quella sinistra del PD da cui sono venute le critiche più forti al segretario Renzi, fino all’addio di esponenti importanti come Bersani e D’Alema. Perché ha scelto di sostenere la candidatura di Renzi, presentandosi in ticket con lui, invece di appoggiare Orlando? Qual è il senso di questo ticket?
    Il nostro è un lavoro collettivo che nasce dal basso. Abbiamo un’idea chiara del Partito democratico che vogliamo costruire; un partito popolare, in grado di fare squadra, una comunità fatta di persone che insieme contribuiscano a realizzare scelte utili per il paese. La mozione che abbiamo presentato al Congresso si intitola “Avanti Insieme” perché vogliamo dimostrare che pluralità di idee e unità d’impegno si tengono. Chi pensa ancora al trattino tra centro e sinistra guarda al passato, noi siamo interessati al futuro invece.

    Renzi aveva suscitato grandi speranze di cambiamento per il PD e per il Paese, ma alla fine è stato bocciato sulla riforma che lui stesso aveva caricato di un’importanza decisiva, si è reso antipatico, almeno a giudicare dagli indici di gradimento, e viene accusato di aver spaccato il Partito. Perché gli Italiani dovrebbero credere ancora in lui come candidato alla presidenza del consiglio vista che la sua chance l’ha avuta e non ha funzionato?
    Io credo che l’esperienza del Governo Renzi sia stata molto positiva per uscire dalla palude in cui era l’Italia. E rivendico le scelte fatte in questi anni, a partire da quelle economiche, con il Pil che è tornato a crescere e con 700 mila posti di lavoro in più, fino ai passi avanti fatti nel campo del sociale: la legge sul dopo di noi, la legge sullo spreco alimentare, quella contro il caporalato, gli investimenti nelle periferie, le unioni civili. Un reale avanzamento nel terreno dei diritti e delle tutele. Certo, non sono mancati errori. Quando si lavora si può anche sbagliare. Ma la direzione che abbiamo preso è quella giusta. Dobbiamo proseguire perché c’è tanto da fare. E cambiare il Paese non è affatto semplice. Il Pd con Renzi è l’unica alternativa forte alle derive pericolose di Grillo e Salvini.

    Pensa che i risultati delle primarie del PD avranno delle conseguenze sulla tenuta del governo Gentiloni? Esiste ancora l’ipotesi di elezioni anticipate o ritiene che si arriverà alla scadenza naturale?
    Il Governo è concentrato sulle cose da fare, non certo sulle scadenze. Ci sono priorità urgenti: il rilancio del lavoro, il tema delle nuove generazioni, la cura della persona, il rapporto con l’Europa. Questioni più importanti rispetto al dibattito su quando andremo a votare.

    Molti osservatori temono un effetto negativo dalle Brexit sulle risorse della Pac: i fondi UE per l’agricoltura e in particolare quella di montagna saranno ridotti in futuro? Altro motivo di preoccupazione sono i dazi annunciati dal presidente americano Trump che rischiano di colpire pesantemente anche l’agro-alimentare. Quale risposta possono dare l’Italia e l’Europa?
    Serve un’Europa forte, unita, capace di rilanciare accordi internazionali che aprano i mercati. Servono regole chiare per mercati giusti. Solo i grandi possono affrontare una globalizzazione senza leggi, i piccoli no. L’Italia farà la sua parte per tutelare le piccole e medie imprese che sarebbero le prime vittime della nuova stagione di protezionismi. Lo abbiamo visto con l’embargo russo.

    Il progetto di Human Technopole a Milano vede coinvolta anche la Fondazione Mach di S. Michele all’Adige per la parte che riguarda la genomica e l’agri-food. Il Governo ha stanziato 21 milioni di euro sulle biotecnologie in agricoltura. Queste risorse sono già state messe a disposizione dei centri di ricerca impegnati in questo settore?
    Abbiamo avviato il piano di ricerca che è coordinato dal nostro ente Crea. Finalmente siamo tornati a investire con forza sulla ricerca pubblica in agricoltura per dare futuro alle nostre principali culture. Allo stesso tempo siamo impegnati per fare di Human Technopole un punto di riferimento mondiale per le scienze per la vita, che devono vedere l’Italia sempre più protagonista.

Comments are closed.