• Etichetta pasta e riso, l’Italia antipa l’Ue sulla massima trasparenza

    (Intervista a firma di Rosaria Amato pubblicata su La Repubblica del 21 luglio 2017)

    L’Italia accelera sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari: l’indicazione del Paese diventa obbligatoria anche per la pasta e per il riso, dopo le norme analoghe in materia di latte e formaggi. Anticipando Bruxelles, che ancora prende tempo sull’attuazione della normativa in materia di etichette trasparenti, ieri il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e quello dello Sviluppo Economico Carlo Calenda hanno annunciato la firma dei decreti che impongono non solo l’indicazione dei Paesi di produzione delle materie prime per la pasta e il riso, ma anche quelli di molitura per il grano e di lavorazione e confezionamento per il riso.

    Ministro Martina, lei ha parlato di “passaggio storico”. Perché è così importante la firma di questi decreti e perché non si poteva aspettare la normativa europea?

    «Abbiamo scelto di garantire la massima trasparenza ai cittadini, che adesso potranno finalmente leggere nell’etichetta il luogo di coltivazione, il luogo di lavorazione, tutte informazioni fondamentali per i consumatori. Tuteliamo anche i nostri produttori. E infatti non è un caso che l’Europa in questi lunghi anni, dopo l’approvazione del regolamento del 2011, non abbia reso operative quelle scelte di piena trasparenza non è facile. Noi invece non volevamo più aspettare per garantire la tracciabilità e la massima informazione ai cittadini sulle produzioni agroalimentari».

    Ci sono però produttori che obiettano che così l’etichetta non è completa, mancano le indicazioni sui sistemi di coltivazione e di lavorazione.

    «Queste indicazioni sono quelle che ci chiedeva la stragrande maggioranza dei consumatori e dei produttori. Così si irrobustisce la unicità delle produzioni italiane, e questo è una delle leve fondamentali della competitività dell’agroalimentare italiano. A questo punto auspichiamo che questa iniziativa italiana sia da pungolo e da stimolo perché nel più breve tempo possibile il regolamento Ue venga applicato in tutte le sue parti, chiudendo questa lunga fase di incertezza».

    Cosa vi aspettate da Bruxelles?

    «È ora di dare risposte concrete a imprese e cittadini. Serve una normativa europea più forte sull’origine degli alimenti. Col nostro provvedimento, che introduce una sperimentazione di due anni, vogliamo spronare la Commissione a decidere. Fino a quando Bruxelles non darà risposte, però, andremo avanti con determinazione».

    Molte organizzazioni vi chiedono di avere un atteggiamento altrettanto fermo con il Ceta, il trattato di libero scambio con il Canada. Lei ritiene che si sia fatto davvero tutto il possibile per tutelare le produzioni italiane?

    «Il Ceta è un punto di partenza, eppure segna un passo in avanti fondamentale. Io penso che con il lavoro che si è fatto con il Ceta si possa costruire un rafforzamento della protezione della produzione agroalimentare italiana nel mercato canadese. Per la prima volta in assoluto c’è il riconoscimento delle indicazioni geografiche tipiche in alternativa ai marchi, un precedente importantissimo».

    Si è scelto però di tutelare solo 41 delle nostre Dop e Igp.

    «Che rappresentano il 90% di questi prodotti che l’Italia esporta in Canada. Ma accetto la sfida per il futuro, vorrei anch’io andare oltre, tutelarne molte altre».

Comments are closed.