• Serve un fronte che vada da Pisapia a Calenda per battere gli estremismi di Cinque Stelle e Lega

    (intervista a firma di Alessandro Trocino pubblicata sul Corriere della Sera del 22.08.2017)

    «Siamo pronti per costruire un progetto aperto, alternativo agli estremismi di Salvini e di Grillo, che coinvolga personalità come Pisapia e Calenda ed energie oltre il Pd». Maurizio Martina, vicesegretario del Pd e ministro alle Politiche agricole, si prepara alla ripresa politica.

    II centrodestra accelera il processo unitario. E voi?

    «Abbiamo davanti settimane fondamentali per costruire un’alternativa forte agli estremisti. Non possiamo consentire che l’Italia venga governata da Grillo e Salvini».

    E dunque?

    «Dunque senza il Pd non si sconfiggono questi avversari. Lo sforzo deve essere quello di costruire una proposta forte, larga, aperta, per scongiurare questa deriva estremista. Unire, attorno al Pd, un fronte che va dalla sinistra dei diritti di Giuliano Pisapia al riformismo di Carlo Calenda, fino a un’area moderata alternativa al centrodestra».

    Non ha citato né Bersani né Vendola.

    «Non metto veti sulle persone, mi interessa la sostanza del lavoro comune. Ma ho citato chi in queste settimane ha cercato di interpretare un confronto con il Pd cooperativo e non divisivo. Non c’è bisogno di competizione ma di collaborazione».

    Non ha citato neanche Alfano. Eppure in Sicilia lavorate per andare al governo insieme.

    «Anche sul versante siciliano è giusto lavorare con spirito aperto. A Palermo, come in altre realtà, ci sono state esperienze amministrative vincenti di centrosinistra con mondi civici e moderati».

    Questa collaborazione potrà avere riflessi nazionali?

    «Intanto è importante per la Sicilia, per non consegnare quella regione a una deriva a 5 Stelle o alla vecchia destra».

    Ma non è esclusa un’interlocuzione con Alfano per la prossima legislatura?

    «Quando penso a un progetto aperto, capace di raccogliere intorno al Pd il riformismo moderato alternativo alla destra, oltre alla sinistra dei diritti, penso a tutte le forze che possono condividere il programma di governo. Sarà fondamentale anche il passaggio della legge di Stabilità».

    Che legge di Bilancio sarà?

    «Innanzitutto dobbiamo rivendicare i risultati di questi anni che hanno portato l’Italia fuori dalla crisi, pur sapendo che c’è ancora tanto da fare. Dobbiamo lavorare a una legge di Bilancio fortemente sociale. Dare priorità all’occupazione giovanile, anche con il taglio permanente del costo del lavoro per i neo assunti. Bisogna rafforzare il reddito di inclusione, mettere mano ai centri per l’impiego, consolidare l’Ape sociale e far partire quella volontaria. Conterà anche la capacità di condividere queste scelte».

    E la legge elettorale? Siete fermi al palo.

    «A settembre vedremo se ci sono le condizioni per intervenire, insieme ai partiti più importanti. Ma il tema del progetto per me rimane centrale con qualsiasi legge elettorale, anche con questa. Se diciamo che c’è il rischio di una deriva estremista, dobbiamo muoverci di conseguenza».

    Merkel ha chiesto a Berlusconi rassicurazioni contro la deriva populista.

    «C’è un’ambiguità evidente di Berlusconi. Un giorno rassicura la Merkel e l’Europa che fermerà i populisti, il giorno dopo ci si allea. Le due cose non stanno insieme. La verità è che Berlusconi tiene un piede in due scarpe ed è ostaggio di Salvini e della sua leadership oggettiva».

    Lo lus soli resta l’incognita di fine legislatura: sarà abbandonato o insisterete?

    «Il nostro obiettivo è quello di arrivare presto a una legge per la cittadinanza dei bambini nati e cresciuti qui. È un obiettivo da riconfermare».

    Sarà messa la fiducia?

    «Vedremo, non tocca a me dirlo. Io dico con convinzione che questa è una legge giusta».

    C’è chi dice che con il terrorismo alle porte non è il momento.

    «Non sono d’accordo. L’avanzamento delle regole di cittadinanza, dei diritti e dei doveri, sono una risposta forte anche contro le paure e le insicurezze di questo tempo».

  • Uniamo le forze, senza PD non si battono destra e cinque stelle. Renzi alla guida di un progetto aperto, da Calenda a Pisapia

    (Intervista a firma di Marianna Rizzini pubblicata su Il Foglio del 03.08.2017)

    C’è grande crisi a Roma, nella giunta Raggi, ma il ministro per le Politiche Agricole Maurizio Martina, anche vicesegretario del Pd, Roma non la commissarierebbe, pensiero che pure non pare peregrino a molti cittadini ed esponenti politici. Però, pensando a Roma dopo aver visto Milano durante l’Expo, Martina dice che nella capitale, prima ancora delle scelte amministrative, il problema è “l’atteggiamento di chi la governa. Roma meriterebbe uno stile diverso, un sindaco che si carichi della propria responsabilità, una squadra all’altezza. L’attuale sindaco e la sua maggioranza sono stati votati per governare. Lo stanno facendo? Dovrebbero chiederselo. Se non si è in grado di governare, se ne traggano le conseguenze. Governare Roma non può voler dire tirare a campare . Lo si è visto sulla vicenda Olimpiadi, con Parigi e Los Angeles che hanno raggiunto un accordo, dopo essersi combattute — e dopo la rinuncia di Roma — e lo si vede nel caso di Milano che si è candidata a ospitare l’Agenzia europea del farmaco. Per lo sviluppo del paese, è essenziale lo sviluppo delle grandi aree metropolitane. In Italia possono svolgere questo ruolo Roma, Milano e Napoli. Roma è, per così dire, non pervenuta”. Di Roma il Pd dovrà parlare: è uno dei campi sui cui si giocherà la prossima campagna elettorale. Poi c’è il tema delle “regole” (legge elettorale) e quell’idea, riemersa trasversalmente, di riaprire la discussione sul cosiddetto “modello tedesco”.
    Ma Martina, da vicesegretario del Partito, spera che “la pausa estiva venga utilizzata per riflettere sul fatto che noi ora non dobbiamo lavorare solo sul lato dello strumento — la legge elettorale — ma prima di tutto direi dal lato del progetto. Siamo disposti a ragionare su alcuni temi — il tema della governabilità in primis. Ma il vero punto è a monte: il ragionamento che dobbiamo fare, cioè, è quello che coinvolge tutti i riformisti sul contenuto della prossima sfida: per essere alternativi alla destra e ai Cinque Stelle si deve partire dalla ragione di fondo della nostra progettualità per l’Italia. Questi anni sono stati anni di durissima crisi e di sacrifici. Il Pd, prima di tutto per responsabilità di governo, si è caricato il peso di scelte anche impopolari. E mi pare che l’Italia, nella crisi, il passo l’abbia tenuto”. Oggi si è aperta una nuova partita anche in Europa. La Francia ha un nuovo presidente, la Germania andrà al voto, l’economia è ripartita. L’Italia che ruolo vuole avere? E chi può interpretare meglio il suo nuovo ruolo? “Questo appunto è il primo tema che devono discutere i riformisti, un tema su cui i punti di contatto non mancano. Mi spaventa, in questo quadro di Europa rinnovata, uno scenario che veda la destra salviniana o i Cinque Stelle primeggiare. Mi preoccupa più questo della legge elettorale”. Martina fa quindi un appello al centrosinistra: “Anche nel quadro della legge elettorale data, è prioritario investire su un progetto aperto. Il Pd oggi è la prima diga di fronte all’avanzare dei Cinque Stelle e della destra. E’ un partito con una leadership forte, sancita con primarie a cui hanno partecipato più di due milioni di persone. Ed è IL punto fermo da cui partire per costruire l’unica alternativa di governo pensabile rispetto alla destra e al M5s. Ma questo dato è come non fosse stato ancora acquisito in tutto il centrosinistra. La logica dovrebbe essere cooperativa, non competitiva. Mi si dica se è possibile, diversamente, costruire un’alternativa credibile. Poi, prendendo come baricentro il Pd, si può costruire uno schema plurale, e mi auguro che lungo questo percorso si riescano a coinvolgere personalità come Giuliano Pisapia, E anche come Carlo Calenda”. C’è pero chi vorrebbe andare senza Pd. E chi, nel Pd, vorrebbe andare senza gli altri. Martina dice che “Il Pd avrà un progetto aperto e aggregante, discutiamo nel merito, parliamo del lavoro, del sociale, dell’Europa, della povertà, delle pensioni, ma non demolendo l’idea stessa da cui non si può prescindere: e cioè che senza il Pd non si possono sfidare destra e Cinque Stelle. Pensiamoci in prospettiva”.
    Tuttavia c’è — ci sarebbe — anche un problema di coalizioni, visto che il Pd e il partito dei fuoriusciti bersaniani-dalemiani, Mdp, si trovano spesso, in Parlamento, a votare su sponde opposte, tanto da far pensare che il dibattito stesso sulle “coalizioni” fosse tutto sommato inutile. “Dobbiamo chiarire appunto la natura del nostro progetto”, dice Martina. “Altrimenti nessuna regola elettorale potrà mai risolvere il tema politico. Faccio appello a chi vuole lavorare con il Pd anche nell’ottica della governabilità. Sciogliamo questo nodo: come si fa a parlare di coalizione e poi dare addosso al Pd un giorno sì e uno no? Non si può coltivare l’illusione, chiamiamola così, di lavorare in qualche modo con il Pd senza riconoscerne la leadership e la funzione. Nel quadro delle scelte per il futuro dico che bisogna impostare un’agenda sociale radicale, agire sulla questione giovanile, affrontare il problema del costo del lavoro riguardo agli under 40, il tema inclusione e povertà. Io credo che il Pd, da parte sua, lavorerà ancora con determinazione su tutto questo”. Il Pd, però, non sempre è stato visto, in questi mesi, come “equidistante” da Grillo e dalla destra. “Il Pd è seccamente alternativo sia a Grillo sia alla destra. Anche per questo dico che non si può pensare di costruire l’alternativa a Grillo e alla destra a trazione salviniana senza Pd”, dice Martina, a cui ha fatto “molta impressione” l’accanimento da sinistra sull’abbraccio Boschi-Pisapia” alla festa dell’Unità di Milano: “Si è trasformato un gesto di buonsenso in uno scandalo. Ma tutto ciò rileva un’antica questione aperta in seno alla sinistra, che quando esaspera il suo settarismo e il suo farsi frazione della frazione pone le basi della sua sconfitta e prende una deriva triste e sterile”. Da dove cominciare, però, per “lavorare sul progetto”? “Intanto c’è la Conferenza programmatica Pd di ottobre, in cui si dovrà rendere chiaro il senso di marcia dei prossimi anni per l’Italia. E, anche se non abbiamo tutte le risposte, siamo sicuri di una cosa: la sinistra non può vivere guardandosi indietro”. E sul piano europeo, dove negli ultimi giorni il governo Gentiloni si è trovato alle prese con una Francia muscolare su Fincantieri? “Il governo ha reagito come doveva, abbiamo buoni argomenti e li spenderemo al meglio così come stiamo facendo sui fronti caldi come l’immigrazione. Guardi, questa poteva essere una legislatura a vuoto dopo gli esiti del 2013. Invece il Pd ha tenuto la barra dritta. Questo lavoro, a me sembra, ha prodotto un valore, che andrebbe riconosciuto da tutti i riformisti. E questo viene prima delle discussioni sulla leadership. Non è sufficiente? Allora confrontiamoci su come rilanciare, su come indicare la nuova direzione direzione di marcia, la prospettiva. Nel cuore dell’Europa e del Mediterraneo. A noi tocca questa responsabilità”.

  • Sì allo stato di calamità, ora si devono migliorare gli invasi

    (Intervista a firma di Alessia Gallione pubblicata su La Repubblica del 25 luglio 2017)

    Ministro Maurizio Martina, anche se ad agosto pioverà la siccità resterà grave. Anzi, scrosci violenti potrebbero danneggiare le colture. Come si gestisce la situazione?

    «Affrontiamo una delle emergenze più severe degli ultimi dieci anni, con un aumento delle temperature di tre gradi rispetto alla media e livelli di fiumi e laghi ai minimi. Chi per anni ha banalizzato la questione epocale del cambiamento climatico spero che ora apra gli occhi. Nell’immediato, insieme al ministero dell’Ambiente e alle Regioni c’è un impegno quotidiano di monitoraggio e gestione delle acque. Il nostro obiettivo ora è tutelare il più possibile gli agricoltori».

    C’è un piano?

    «Lavoriamo su tre assi. L’attivazione del fondo di solidarietà nazionale per bloccare i pagamenti dei mutui e dei contributi previdenziali e assistenziali delle imprese; l’aumento dell’anticipo dei fondi europei per gli agricoltori; e l’investimento da 700 milioni di euro che stiamo già gestendo per rendere più efficienti le infrastrutture irrigue: entro l’anno contiamo di assegnare queste risorse ai progetti cantierabili».

    Ha detto di essere pronto a collaborare con le Regioni per dichiarare lo stato di calamità. Sono stati fatti passi in avanti e quando potrebbe avvenire?

    «Si, in questi casi si verificano le diverse situazioni, nei prossimi giorni è convocata una riunione tecnica proprio per analizzare esigenze e tempistiche legate alla quantificazione dei danni che viene fatta dalle Regioni».

    In ogni caso, in futuro la situazione non migliorerà come può e dovrà cambiare l’agricoltura?

    «L’imperativo è la sostenibilità. Dovremo trovare soluzioni nuove. Siamo impegnati a costruire una strategia d’ azione per i prossimi dieci anni che punti tutto sull’efficienza. Dobbiamo intervenire sugli invasi, sulle reti di distribuzione e sui metodi di irrigazione. Catturiamo solo il dieci per cento delle precipitazioni annue. Troppo poco».

    Si possono immaginare anche altri modelli alternativi?

    «Dobbiamo usare un mix di strumenti. Da un lato, un progetto di medio periodo per gli invasi e i bacini per immagazzinare acqua quando piove e quando l’eccesso di precipitazioni concentrate in poco tempo provocano danni. Dall’altro serve spingere sull’innovazione per ottimizzarne l’uso con agricoltura e allevamento di precisione. Con Industria 4.0 stiamo incentivando queste soluzioni. Ma non siamo all’anno zero. Nel Chianti Classico, per esempio, con la viticoltura di precisione hanno ridotto il volume d’acqua utilizzata del 30 per cento in tre anni».

    L’Italia sembra vivere un paradosso: è una terra ricca d’acqua ma vive la siccità. Vede responsabilità? C’è chi come il governatore toscano Rossi chiede di investire per evitare le perdite.

    «Bisogna intervenire non solo pensando all’emergenza, ma lavorando su una strategia. Quello che manca in troppi territori è un piano chiaro sulla gestione delle acque. Gli osservatori promossi dal ministero dell’Ambiente a livello di Autorità di bacino svolgono un’azione importante, ma serve un deciso salto di qualità. Abbiamo stanziato 700 milioni, pronti per essere impegnati, destinati a infrastrutture strategiche nel settore dell’irrigazione. Si tratta però solo di un primo passo».

    E nel caso di Roma casa pensa? Condivide la posizione del governatore Zingaretti?

    «È una questione complessa, come ha ribadito anche il ministro Galletti vanno tutelate le giuste esigenze dei cittadini e la salvaguardia di Bracciano. Su questo la scelta di Zingaretti è stata giusta ed era praticamente obbligata. Ora va trovata una soluzione urgente, all’altezza della capitale del Paese, che non può prescindere dell’esigenza di intervenire presto per modernizzare la rete».

  • No alla logica del nemico a sinistra

    (intervista a firma di Alessandro Trocino pubblicata sul Corriere della Sera del 23.07.2017)

    «II Pd dice no, in maniera unilaterale, alle polemiche quotidiane e agli scontri personali».

    Maurizio Martina, vicesegretario e ministro alle Politiche Agricole, spiega i prossimi passaggi del Pd, che considera «il vero argine all’avanzata delle destre e dei 5 Stelle», e giudica «difficile» un cambio di posizione sul premio di coalizione nella legge elettorale. Stop alle polemiche, dice. A cominciare da quelle con gli ex fratelli di Mdp.
    «A noi non interessa polemizzare, dobbiamo tenere la barra dritta sul progetto e non ci interessa la logica perversa che si intravede ancora spesso nel centrosinistra del vicino nemico”; di chi vuole costruire distinzioni e contrapposizioni. Ricordiamo a tutti che i nostri avversari stanno a destra. E senza il Pd non c’è alternativa a Salvini, Berlusconi e Grillo».

    Nel centrosinistra, però, restano grandi distanze. E Pisapia si sta alleando con Mdp, nonostante l’abbraccio con Maria Elena Boschi alla festa dell’Unità.
    «Come dicevo, ci sottraiamo a veti personali e logiche divisive, ma se si vuole un confronto vero, ci siamo. L’invito a Pisapia alla festa dell’Unità di Milano è stato un passo naturale e importante. Le feste servono anche a questo».

    Da qualche anno sembrano un po’ appannate.
    «Le feste sono un’occasione straordinaria per confrontarci in modo aperto e popolare e voglio ringraziare soprattutto i militanti. Io ci sono cresciuto dentro le feste, che restano le nostre sentinelle sul territorio: un terreno di incontro fondamentale per migliaia di persone. A settembre ci sarà la festa nazionale, a Imola».

    E il tour in treno di Renzi.
    «Sarà importante per continuare il confronto con il Paese reale. Un viaggio che dà l’idea di un partito in movimento, in discussione, che si apre».

    A molti sembra ancora ultra renziano e poco aperto.
    «La pluralità deve essere la nostra forza e noi vogliamo lavorare in modo aperto. A ottobre ci sarà la conferenza programmatica e per prepararla abbiamo dato vita a un comitato che vedrà presenti me e Tommaso Nannicini, per la segreteria, Sergio Chiamparino, i ministri Graziano Delrio e Maria Elena Boschi, ma anche Andrea Orlando e Michele Emiliano. Alla Conferenza presenteremo il progetto per l’Italia del 2020, proprio mentre il Pd compie io anni di vita».

    Ci sarà un cambio di passo anche nel rapporto con i sindacati? Si dice che il ruolo di mediazione spetti a lei.
    «Per me è decisivo che il Pd diventi sempre di più il partito della mediazione sociale, di una nuova responsabilità sociale. Dobbiamo usare ago e filo per ricucire dove la società è strappata. Quanto ai sindacati, li abbiamo appena incontrati per discutere di sistema previdenziale e giovani».

    lus soli e legge sui vitalizi sono in bilico, problemi si annunciano anche per la legge di bilancio. II governo farà fatira ad arrivare a fine legistatura.
    «II Pd è sempre stato al fianco del premier Gentiloni. Non abbiamo mai cambiato idea, a differenza di chi, da sinistra, ci ha accusato con polemiche a vuoto di volere una fine anticipata della legislatura. Io credo che il governo debba rinforzare l’agenda sociale, spingendo ancora di più sul tema della lotta alle disuguaglianze e insistere su crescita e investimenti».

    Ma Ap si sta sgretolando e i numeri son scarsi.
    «Credo che Gentiloni abbia la forza per una proposta di responsabilità per il Paese. Poi ognuno, naturalmente, si prenderà le sue responsabilità».

    A essere contrari a un premio di coalizione, ormai, sono quasi solo Renzi e Grillo. È possibile che si riesca a lavorare su questo terreno?
    «Vedremo a settembre, ma mi pare uno scenario molto difficile: muoversi su un tema così delicato a pochi mesi dal voto non è facile. Quello che è certo è che non si può intervenire a colpi di maggioranza risicata: le regole del gioco si devono scrivere insieme e su questo serve un’intesa con Berlusconi, Salvini e Grillo».

  • Etichetta pasta e riso, l’Italia antipa l’Ue sulla massima trasparenza

    (Intervista a firma di Rosaria Amato pubblicata su La Repubblica del 21 luglio 2017)

    L’Italia accelera sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari: l’indicazione del Paese diventa obbligatoria anche per la pasta e per il riso, dopo le norme analoghe in materia di latte e formaggi. Anticipando Bruxelles, che ancora prende tempo sull’attuazione della normativa in materia di etichette trasparenti, ieri il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e quello dello Sviluppo Economico Carlo Calenda hanno annunciato la firma dei decreti che impongono non solo l’indicazione dei Paesi di produzione delle materie prime per la pasta e il riso, ma anche quelli di molitura per il grano e di lavorazione e confezionamento per il riso.

    Ministro Martina, lei ha parlato di “passaggio storico”. Perché è così importante la firma di questi decreti e perché non si poteva aspettare la normativa europea?

    «Abbiamo scelto di garantire la massima trasparenza ai cittadini, che adesso potranno finalmente leggere nell’etichetta il luogo di coltivazione, il luogo di lavorazione, tutte informazioni fondamentali per i consumatori. Tuteliamo anche i nostri produttori. E infatti non è un caso che l’Europa in questi lunghi anni, dopo l’approvazione del regolamento del 2011, non abbia reso operative quelle scelte di piena trasparenza non è facile. Noi invece non volevamo più aspettare per garantire la tracciabilità e la massima informazione ai cittadini sulle produzioni agroalimentari».

    Ci sono però produttori che obiettano che così l’etichetta non è completa, mancano le indicazioni sui sistemi di coltivazione e di lavorazione.

    «Queste indicazioni sono quelle che ci chiedeva la stragrande maggioranza dei consumatori e dei produttori. Così si irrobustisce la unicità delle produzioni italiane, e questo è una delle leve fondamentali della competitività dell’agroalimentare italiano. A questo punto auspichiamo che questa iniziativa italiana sia da pungolo e da stimolo perché nel più breve tempo possibile il regolamento Ue venga applicato in tutte le sue parti, chiudendo questa lunga fase di incertezza».

    Cosa vi aspettate da Bruxelles?

    «È ora di dare risposte concrete a imprese e cittadini. Serve una normativa europea più forte sull’origine degli alimenti. Col nostro provvedimento, che introduce una sperimentazione di due anni, vogliamo spronare la Commissione a decidere. Fino a quando Bruxelles non darà risposte, però, andremo avanti con determinazione».

    Molte organizzazioni vi chiedono di avere un atteggiamento altrettanto fermo con il Ceta, il trattato di libero scambio con il Canada. Lei ritiene che si sia fatto davvero tutto il possibile per tutelare le produzioni italiane?

    «Il Ceta è un punto di partenza, eppure segna un passo in avanti fondamentale. Io penso che con il lavoro che si è fatto con il Ceta si possa costruire un rafforzamento della protezione della produzione agroalimentare italiana nel mercato canadese. Per la prima volta in assoluto c’è il riconoscimento delle indicazioni geografiche tipiche in alternativa ai marchi, un precedente importantissimo».

    Si è scelto però di tutelare solo 41 delle nostre Dop e Igp.

    «Che rappresentano il 90% di questi prodotti che l’Italia esporta in Canada. Ma accetto la sfida per il futuro, vorrei anch’io andare oltre, tutelarne molte altre».

  • Gori è la persona giusta. È tempo di portare un sindaco alla guida della Lombardia

    (Intervista a firma di Andrea Montanari, pubblicata su la Repubblica – Milano del 28 giugno 2017)

    Giorgio Gori è la persona giusta per sfidare Roberto Maroni alle elezioni regionali. Spero che il Pd lombardo proponga la sua candidatura nel lavoro che sta facendo per preparare bene questa sfida e che mi auguro possa completarsi e arricchirsi con il nome di Giorgio». Maurizio Martina, vicesegretario nazionale del Pd e ministro alle Politiche agricole annuncia il suo appoggio alla candidatura in Regione del sindaco di Bergamo.

    Martina, il suo quindi è un passo indietro rispetto a una sua possibile candidatura?

    «Io sono per lavorare alla candidatura di Giorgio all’interno di una squadra larga e penso che lui possa interpretare al meglio la sfida a Maroni. Questo è il pensiero che ho consegnato al segretario lombardo del Pd, Alfieri e sono ben consapevole che toccherà al Pd e alla coalizione fare le scelte per la candidatura. Penso che Giorgio sia la persona giusta per sfidare Maroni. Io mi metto, per la mia quota di responsabilità, al servizio di un lavoro di squadra con lui come capitano».

    Perché è convinto che Gori sia il candidato giusto?

    «Credo che oggi occorra un sindaco alla guida della Regione. Sarebbe la prima volta di una candidatura di un sindaco lombardo alla presidenza della Lombardia. Questo sarebbe un dato importante».

    In che senso?

    «Perché vorrebbe dire portare al Pirellone l’esperienza, la sensibilità e lo stile di chi ha fatto il primo cittadino nella comunità di un territorio. Sarebbe la caratterizzazione forte del progetto di centrosinistra che dobbiamo animare in Lombardia. Giorgio è la persona giusta per ragionare a un progetto civico aperto, dal tratto lombardo. Quindi con forti elementi di autonomia e di originalità figlie delle esperienze lombarde. Spero che il centrosinistra lavori a questa idea in modo unitario e aperto. Coinvolgendo persone, energie di tutti i territori, ben oltre le appartenenze classiche. Gori può interpretare un progetto di cambiamento e di innovazione verso la Lombardia del 2020».

    Come?

    «Provando a proporre ai lombardi un modello di Regione in cui protezione dei cittadini e promozione dei territori e dei sistemi produttivi stiano insieme. Credo che ci siano tutte le condizioni perché questo progetto cresca e si affermi».

    Gori sostiene che il Pd, però, deve essere sì centrale, ma anche umile e in grado di dialogare.

    «Condivido il ragionamento Penso che le condizioni per fare questo lavoro ci siano. Ho sempre pensato che il Pd sia fondamentale per il successo di una proposta alternativa alla destra, ma anche che questo lavoro debba essere fatto in modo largo e aperto. Penso a un Pd dentro a un progetto aperto e all’interno di un lavoro di coalizione che coinvolga più energie dentro una forte di prospettiva per la Lombardia».

    Si spieghi meglio

    «È necessario coinvolgere personalità civiche che sono protagoniste delle comunità locali, dei mondi sociali ed economici. Accanto ad un candidato forte ci deve essere una squadra forte, plurale, aperta. Nel segno della novità. Rispetto a una destra che si chiude in dinamiche politiche strette tra partiti, la nostra chiave di lavoro deve essere rivolta alla società. Come Giorgio penso che ogni passaggio elettorale sia una storia a sé e per questo credo che ci siano tutte le condizioni perché partendo per tempo si dia forza a un progetto competitivo in grado di vincere sulla proposta di Maroni. Credo che oggi questo centrodestra non abbia più molto da dire. Dà segni di fragilità».

    Il modello Lombardia, però, vince.

    «Non vedo una proposta forte in grado di portare la Lombardia verso un futuro. Vedo solo propaganda. Emblematico è il caso del referendum sull’autonomia. Sono per sfidare la destra sulle occasioni mancate in questi anni. Che non riesce a reggere la competizione con le altre regioni motori d’Europa. La Lombardia ha bisogno di un altro passo».

    Servono ancora le primarie?

    «Tocca al tavolo di lavoro della coalizione in Lombardia prendere una decisione. Voglio riconoscere il lavoro che sta facendo il Pd lombardo per allargare questo lavoro. Mi auguro si lavori per allargare il campo anche ad altri protagonisti».

    Le sembra facile dopo la batosta ai ballottaggi?

    «Dobbiamo essere molto seri. È evidente che il passaggio del voto amministrativo è stato per noi difficile. Io penso, però, che le condizioni per costruire un progetto forte, civico e competitivo sulla Lombardia ci siano tutte. Ogni voto è una partita a sè. E qui in ballo c’è un cambiamento utile per la Lombardia. Penso che Gori possa interpretarlo in modo aperto e partecipato e che abbia la possibilità di fare una proposta nuova vincente sulla destra».

  • Non minimizziamo, certe sconfitte bruciano. Il centrosinistra? No a coalizioni astratte

    (Intervista a firma di Alessandro Trocino, pubblicata su Il Corriere della Sera del 27 giugno 2017)

    Maurizio Martina, è andata male o, come dice Matteo Renzi, «poteva andare meglio»?

    «Dobbiamo leggere la complessità del passaggio, non ci nascondiamo che il segno non è quello che volevamo».

    Che segno?

    «Ci sono sconfitte che fanno male, che bruciano. E un messaggio da recepire, che muove prima di tutto dall’astensione. In alcune realtà, poi, ci siamo seduti su noi stessi o abbiamo sbagliato strada. Non dobbiamo minimizzare».

    Genova, Pistoia, L’Aquila: sconfitte clamorose. C’è un dato comune?

    «C’è una sofferenza che noi per primi vediamo. E dentro questo vuoto, senza mettere bandierine, ci sono anche affermazioni importanti da valorizzare, come quelle di Padova, Lecce e Taranto. Anche riflettendo su queste esperienze possiamo riorganizzare il lavoro e rilanciare la nostra sfida».

    E come si fa?

    «Domani (oggi, ndr) è un anniversario importante: sono passati dieci anni dal Lingotto di Walter Veltroni. Un momento che ha segnato una tappa fondamentale per il Pd».

    Perché?

    «Perché quella proposta rimane di straordinaria attualità. C’era una visione dell’Italia e del cambiamento necessario. Penso ad alcuni nodi cruciali: la questione della precarietà generazionale, la sfida demografica, il nuovo nesso cittadinanza-sicurezza, la modernizzazione dello Stato».

    Non è quello di cui si discute ora.

    «La competizione con la destra si misurerà anche sulla capacità di uscire da una discussione tattica e politicista fatta di formule. Dobbiamo superare l’asfissia del dibattito interno al ceto politico, che rischia di essere lontano dal Paese reale, e rilanciare lo spirito originario del Pd».

    In che modo?

    «Anche scrollandoci di dosso questa dinamica per la quale il Pd viene vissuto come il capro espiatorio di tutto. Per farlo, tocca a noi il rilancio progettuale con una iniziativa aperta e inclusiva che si misuri con i temi del cambiamento del Paese e con la vita delle persone. Ci concentreremo sul progetto alternativo alla destra e ai 5 Stelle. E questa alternatività deve essere esaltata. Anche perché dove la destra si riorganizza, può far male».

    C’è chi dice che in questa tornata la formula del centrosinistra ha perso (vedi Roberto Giachetti) e chi vuole rilanciarlo (vedi Andrea Orlando).

    «Queste amministrative segnalano anche l’insufficienza dell’idea coalizionale se si rimane in superficie e non si affrontano le ragioni dello stare insieme. Io mi batto per un Pd inclusivo e non ho paura di un confronto largo. Ma se la scelta della coalizione resta astratta o confusa, è insufficiente. Per questo dico che occorre rilanciare dallo spirito del Lingotto: aperti e inclusivi guardando agli italiani e alla società, prima che ai soggetti politici».

    Anche Renzi deve cambiare rotta?

    «Renzi condivide questo spirito e stiamo lavorando per costruire le basi del lavoro da fare».

    I 5 Stelle sembrano aver perso il loro slancio: la loro avanzata è destinata a frenare oppure no?

    «Il M55 esce sconfitto da queste elezioni. Alla prova del radicamento territoriale, si sono rivelati fragili e senza bussola. Detto questo, non mi nascondo che i 5 Stelle rappresentano ancora un’insidia molto forte, soprattutto nella rappresentazione del dualismo establishment e anti establishment. E resta insidiosa anche la destra, sia pure a trazione salviniana: quando riesce a organizzarsi con un’offerta elettorale che ha una parvenza di unità, risulta pericolosamente competitiva».

  • Senza le nuove regole più lavoro nero. Manifesta pure chi ha votato la fiducia

    (Intervista a firma di Andrea Bassi pubblicata su Il Messaggero del 18 giugno 2017)

    I toni sono quelli della piazza. Duri. Anzi, durissimi. Con il leader della Cgil, Susanna Camusso, che ha parlato di uno schiaffo alla democrazia, di un governo che agito pur non avendo il consenso del Paese.

    Una voce alla quale si è aggiunto in coro tutto il variegato mondo della sinistra , da Rifondazione Comunista ad Articolol-Mdp, fino a Sinistra italiana. Ma il governo non ci sta e difende il provvedimento che riscrive le norme sul lavoro occasionale approvate insieme alla manovrina di correzione dei conti pubblici. E lo fa per bocca del ministro delle Politiche agricole e vice segretario del Partito democratico Maurizio Martina, che ieri era a Crema per sostenere la candidata del Pd, Stefania Bonaldi, che domenica prossima dovrà affrontare al ballottaggio Chicco Zucchi, candidato di una lista civica sostenuta dal centrodestra.

    Ministro, Susanna Camusso dal palco ha usato toni molto duri. Ha parlato di schiaffo alla democrazia e di voto rubato agli elettori.

    «Noi rispettiamo la piazza di ieri anche se abbiamo un’opinione diversa. È stato importante che il governo abbia abolito i vecchi voucher, troppo esposti in passato ad abusi e storture a danno dei lavoratori. Ricordiamoci tutti inoltre che i voucher non sono stati introdotti recentemente ma diversi anni fa. Oggi i nuovi strumenti individuati, utilizzabili da famiglie e imprese, sono invece regolati e controllati molto meglio a garanzia prima di tutto dei lavoratori stessi. C’è la tracciabilità totale attraverso l’Inps».

    Avevate, come sostiene il leader della Cgil, paura di affrontare un altro referendum dopo la bocciatura del 4 dicembre?

    «Noi abbiamo condiviso l’obiettivo di superare i vecchi voucher e ci siamo assunti le nostre responsabilità come un governo deve fare lavorando ad una norma di legge».

    Il sindacato ha anche annunciato un nuovo ricorso alla Consulta. La preoccupa?

    «No. Ma in ogni caso seguiremo con attenzione anche questo passaggio nel pieno rispetto di ciò che la Consulta dirà».

    La manifestazione della Cgil ha raccolto diversi consensi. Anche quello di Giuliano Pisapia, alle cui mosse il Partito democratico guarda con interesse. Come valuta questa posizione?

    «Anche in questo caso abbiamo il massimo rispetto per posizioni diverse dalle nostre. Segnalo comunque che i senatori di Campo Progressista hanno votato come noi la fiducia sulla manovra proprio pochi giorni fa».

    Nel merito del provvedimento contestato dal sindacato e dalla sinistra è entrato anche l’Ufficio parlamentare di bilancio. I tecnici sostengono che le nuove norme superano diverse storture delle precedenti regole, ma hanno ancora dei “bug”. Come quello dei tre giorni dati al datore per cancellare la prestazione. Una norma, dice l’Ufficio parlamentare di bilancio, che favorirebbe il lavoro nero.

    «Io credo che si capirà fra qualche tempo, quando i nuovi strumenti saranno a pieno regime, che il Libretto Famiglia e il contratto di prestazione occasionale per le imprese sono strumenti a garanzia dei lavoratori contro il lavoro nero. Anzi, le dico una cosa».

    Prego.

    «Senza le nuove regole il rischio sarebbe stato di un aumento del lavoro sommerso e irregolare».

    Sbaglia dunque l’Ufficio parlamentare di bilancio?

    «Non dico questo. Dico che c’è ancora molto da fare, ma le scelte fatte stanno dando frutti importanti. Il Libretto Famiglia e i contratti di prestazione occasionale per le imprese sono totalmente tracciati, sotto il controllo dell’Inps e con limiti d’impegno chiari. Molto più di quanto abbiamo lasciato con i vecchi voucher che tutti potevano comprare persino dal tabaccaio. Il nostro impegno per la dignità e diritti nel lavoro non si ferma».

  • Ius soli: scelta di civiltà di sinistra. In corso inciucio populista di destra tra Lega e M5S

    (Intervista a firma di Tommaso Ciriaco pubblicata su La Repubblica del 16 giugno 2017)

    Il Pd non arretrerà di un centimetro per portare a casa una legge sullo Ius soli, promette il vicesegretario dem Maurizio Martina. «E mentre lavoriamo a questo obiettivo, assistiamo all’ inciucio populista di destra tra Lega e Movimento cinque stelle».

    Lo scontro sul provvedimento è stato brutale, al Senato. Come lo giudica?

    «Un’indegna, inaccettabile bagarre. È intollerabile che la Lega cerchi di ostacolare una discussione in Aula, la democrazia vive del confronto e di regole. Queste provocazioni sono andate oltre la soglia di guardia. E quanto accaduto a Valeria Fedeli è il frutto di atteggiamenti radicali e intolleranti, da condannare. Non ci fermeranno, comunque».

    È una scelta impegnativa, in questa fase storica così turbolenta, dove il dibattito sull’immigrazione è acceso e le ricette in Europa assai diverse tra loro. È la direzione giusta?

    «Lo è. Non mi sfugge che si tratta di una decisione che in Europa si segnala come coraggiosa. Ma è un modo per dare a bambini e ragazzi che sono già italiani la piena cittadinanza: devono avere gli stessi diritti e doveri dei miei figli».

    La maggioranza renziana sta dando il meglio di sé nel campo dei diritti, a suo avviso?

    «Rivendico – e non da oggi – le scelte di civiltà che abbiamo compiuto. Di sinistra, democratiche e progressiste, compiute sulla frontiera dei diritti. Alcuni, da sinistra, accusano sempre il Pd, ma parlano i fatti».

    La contrarietà dei cinquestelle, invece, cosa dimostra?

    «C’è un tweet che ho appena letto che recita: “Il Movimento è la destra che non osa dire il suo nome”. È così, altro che francescani…”».

    Volete portare questa legge a casa, anche a costo di mettere la fiducia?

    «Penso che non dobbiamo escludere nulla».

    Il terreno dei diritti può servire a ricostruire il centrosinistra assieme a Pisapia?

    «Intanto lo Ius soli non è la scelta di una parte, ma più semplicemente la scelta giusta. Detto questo, leggi così si approvano se c’è un Pd forte. A chi a sinistra si è cullato nell’idea di dialogare con i cinque stelle, chiedo: pensate ancora che sarebbe meglio dialogare con loro che con noi? E ritenete ancora possibile confrontarsi con chi ha sostenuto che i gommoni nel Mediterraneo erano taxi? Ormai la virata a destra di Grillo, della Raggi e del Movimento è evidente».

    Insisto: con Pisapia è possibile un accordo?

    «Il Pd deve fare il suo lavoro di proposta. Dialogando, assumendosi le sue responsabilità, confrontandosi per il bene del centrosinistra. Noi non ci sottraiamo a un dialogo aperto».

  • 5 Stelle irresponsabili

    (intervista a firma di Alberto Gentili pubblicata su Il Messaggero del 09.06.2017)

    Ministro Martina, il tedesco è morto in culla.
    «Prima delle commemorazioni è il caso di manifestare il grande rammarico per ciò cui abbiamo assistito nell’aula della Camera. Il Pd ha lavorato in queste settimane a un’intesa larga, rinunciando a diverse delle proprie idee e impostazioni, per una legge elettorale che raccogliesse il più largo consenso possibile. Ebbene, aver visto esplodere l’inaffidabilità totale dei Cinquestelle che hanno votato in massa un emendamento di Forza Italia, lascia basiti. Il Paese ha avuto la prova provata della loro irresponsabilità e inaffidabilità».

    Grillo sostiene che la legge l’avete affossata voi.
    «E’ ridicolo. Ci sono dati evidenti di un voto organizzato dei Cinquestelle a sostegno dell’emendamento forzista, fuori dall’accordo costruito faticosamente in Commissione. Questo è il dato politico: è stata violata un’intesa delicata e importante in modo surrettizio, senza avere il coraggio di dirlo chiaramente ai cittadini. Ha vinto tra i Cinquestelle la fazione oltranzista e radicale. Ha vinto chi da giorni voleva far saltare il banco: la guida estremista del Movimento grillino ha preso il sopravvento».

    Nel Pd c’è chi, come Orlando, ritiene che non sia stata una brillante idea legare la legge elettorale alle elezioni anticipate. Non ha tutti i torti, non crede?
    «In questi giorni e settimane abbiamo avuto in testa esclusivamente l’accordo sulla legge elettorale. Era, ed è, un dovere da parte nostra lavorare su questo fronte. E’ una necessità del Paese e una forza responsabile fa questo. Ma oggi il dato politico è l’esplosione delle contraddizioni nel Movimento 5Stelle che non regge il tema della responsabilità. Il Paese deve chiedere conto ai grillini della loro inaffidabilità».

    Ma adesso cosa succede?
    «Ci concentriamo sulle elezioni amministrative dei prossimi giorni. E poi valuteremo le condizioni. E’ chiaro però che il colpo è duro».

    Il sistema tedesco è morto o no?
    «L’accordo è saltato. Ed è saltato, ripeto, per colpa dei 5Stelle».

    Pensa sia possibile tentare un’intesa con Berlusconi e Salvini?
    «Mi sembra molto complicato. Adesso, però, è il momento della riflessione».

    C’è chi propone di andare al voto con il doppio Consultellum o con un decreto. D’accordo?
    «Serve equilibrio e occorre far decantare le acque. Ci prendiamo il tempo per capire cosa abbiamo davanti e come intendono agire le forze con cui avevamo tentato l’intesa. Insomma, va valutata la praticabilità del campo».

    Questa battuta d’arresto allontana le elezioni anticipate in autunno?
    «Gli scenari andranno valutati con calma».

    Però la maggioranza di governo non sta in piedi…
    «Non possiamo nasconderci che oggi la maggioranza è estremamente fragile. Abbiamo Mdp che vota quasi sempre contro il governo e con Alfano i rapporti sono decisamente difficili».

    Si può andare avanti con il governo Gentiloni o no?
    «Il governo stia concentrato sui suoi impegni. Valuteremo la situazione nei prossimi giorni. Di fronte a ciò che è accaduto sarebbe sbagliato affrettare le decisioni. Ci prendiamo il tempo di una riflessione responsabile verso il Paese».

    Rinunciare al voto in autunno potrebbe risultare salutare per Renzi. Prima Letta, poi Prodi, infine Napolitano: sulla testa del suo segretario è piovuta una scomunica al giorno.
    «Abbiamo tentato di fare un lavoro sulla legge elettorale con il più ampio consenso possibile. Questa responsabilità è stata ripagata con l’inaffidabilità. Riguardo alle critiche, ritengo che tutte le opinioni vadano ascoltate, soprattutto se vengono da personalità del centrosinistra. ‘Fante volte si converge, altre volte si dissente. Non drammatizzo, né sottovaluto. Si ragiona insieme. Difendo e rivendico comunque il tentativo fatto dal Pd di arrivare a una legge elettorale la più condivisa possibile. E lo difendo e lo rivendico perché era una via che andava esplorata a costo di mediare e di rinunciare ad alcuni principi a noi cari. Naturalmente ciò che è successo crea un cambio di fase».

    Il capogruppo Rosato dice che se il Pd dopo le elezioni dovrà fare un’alleanza di governo, sarà meglio farla con D’Alema piuttosto che con Berlusconi. Condivide?
    «Non ho mai avuto alcun dubbio sul fatto che la nostra prospettiva rimanga quella di essere una forza alternativa a Berlusconi, Salvini e Grillo. E’ del tutto evidente che noi siamo e saremo la forza principale avversaria della destra e dei grillini. Quanto a D’Alema, mi sembra più interessato a sconfiggere il Pd che non la destra».

    Le ferite della scissione restano aperte.
    «Non c’è alcun dubbio che chi ha compiuto quell’atto di rottura ha consumato un passaggio doloroso e per me un grave errore. Ma il Pd rimane disponibile a ragionare con le forze che vogliono collaborare e non confliggere nell’ambito del centrosinistra»

Pagina 4 di 17« Prima...23456...10...Ultima »