• Sì allo stato di calamità, ora si devono migliorare gli invasi

    (Intervista a firma di Alessia Gallione pubblicata su La Repubblica del 25 luglio 2017)

    Ministro Maurizio Martina, anche se ad agosto pioverà la siccità resterà grave. Anzi, scrosci violenti potrebbero danneggiare le colture. Come si gestisce la situazione?

    «Affrontiamo una delle emergenze più severe degli ultimi dieci anni, con un aumento delle temperature di tre gradi rispetto alla media e livelli di fiumi e laghi ai minimi. Chi per anni ha banalizzato la questione epocale del cambiamento climatico spero che ora apra gli occhi. Nell’immediato, insieme al ministero dell’Ambiente e alle Regioni c’è un impegno quotidiano di monitoraggio e gestione delle acque. Il nostro obiettivo ora è tutelare il più possibile gli agricoltori».

    C’è un piano?

    «Lavoriamo su tre assi. L’attivazione del fondo di solidarietà nazionale per bloccare i pagamenti dei mutui e dei contributi previdenziali e assistenziali delle imprese; l’aumento dell’anticipo dei fondi europei per gli agricoltori; e l’investimento da 700 milioni di euro che stiamo già gestendo per rendere più efficienti le infrastrutture irrigue: entro l’anno contiamo di assegnare queste risorse ai progetti cantierabili».

    Ha detto di essere pronto a collaborare con le Regioni per dichiarare lo stato di calamità. Sono stati fatti passi in avanti e quando potrebbe avvenire?

    «Si, in questi casi si verificano le diverse situazioni, nei prossimi giorni è convocata una riunione tecnica proprio per analizzare esigenze e tempistiche legate alla quantificazione dei danni che viene fatta dalle Regioni».

    In ogni caso, in futuro la situazione non migliorerà come può e dovrà cambiare l’agricoltura?

    «L’imperativo è la sostenibilità. Dovremo trovare soluzioni nuove. Siamo impegnati a costruire una strategia d’ azione per i prossimi dieci anni che punti tutto sull’efficienza. Dobbiamo intervenire sugli invasi, sulle reti di distribuzione e sui metodi di irrigazione. Catturiamo solo il dieci per cento delle precipitazioni annue. Troppo poco».

    Si possono immaginare anche altri modelli alternativi?

    «Dobbiamo usare un mix di strumenti. Da un lato, un progetto di medio periodo per gli invasi e i bacini per immagazzinare acqua quando piove e quando l’eccesso di precipitazioni concentrate in poco tempo provocano danni. Dall’altro serve spingere sull’innovazione per ottimizzarne l’uso con agricoltura e allevamento di precisione. Con Industria 4.0 stiamo incentivando queste soluzioni. Ma non siamo all’anno zero. Nel Chianti Classico, per esempio, con la viticoltura di precisione hanno ridotto il volume d’acqua utilizzata del 30 per cento in tre anni».

    L’Italia sembra vivere un paradosso: è una terra ricca d’acqua ma vive la siccità. Vede responsabilità? C’è chi come il governatore toscano Rossi chiede di investire per evitare le perdite.

    «Bisogna intervenire non solo pensando all’emergenza, ma lavorando su una strategia. Quello che manca in troppi territori è un piano chiaro sulla gestione delle acque. Gli osservatori promossi dal ministero dell’Ambiente a livello di Autorità di bacino svolgono un’azione importante, ma serve un deciso salto di qualità. Abbiamo stanziato 700 milioni, pronti per essere impegnati, destinati a infrastrutture strategiche nel settore dell’irrigazione. Si tratta però solo di un primo passo».

    E nel caso di Roma casa pensa? Condivide la posizione del governatore Zingaretti?

    «È una questione complessa, come ha ribadito anche il ministro Galletti vanno tutelate le giuste esigenze dei cittadini e la salvaguardia di Bracciano. Su questo la scelta di Zingaretti è stata giusta ed era praticamente obbligata. Ora va trovata una soluzione urgente, all’altezza della capitale del Paese, che non può prescindere dell’esigenza di intervenire presto per modernizzare la rete».

  • No alla logica del nemico a sinistra

    (intervista a firma di Alessandro Trocino pubblicata sul Corriere della Sera del 23.07.2017)

    «II Pd dice no, in maniera unilaterale, alle polemiche quotidiane e agli scontri personali».

    Maurizio Martina, vicesegretario e ministro alle Politiche Agricole, spiega i prossimi passaggi del Pd, che considera «il vero argine all’avanzata delle destre e dei 5 Stelle», e giudica «difficile» un cambio di posizione sul premio di coalizione nella legge elettorale. Stop alle polemiche, dice. A cominciare da quelle con gli ex fratelli di Mdp.
    «A noi non interessa polemizzare, dobbiamo tenere la barra dritta sul progetto e non ci interessa la logica perversa che si intravede ancora spesso nel centrosinistra del vicino nemico”; di chi vuole costruire distinzioni e contrapposizioni. Ricordiamo a tutti che i nostri avversari stanno a destra. E senza il Pd non c’è alternativa a Salvini, Berlusconi e Grillo».

    Nel centrosinistra, però, restano grandi distanze. E Pisapia si sta alleando con Mdp, nonostante l’abbraccio con Maria Elena Boschi alla festa dell’Unità.
    «Come dicevo, ci sottraiamo a veti personali e logiche divisive, ma se si vuole un confronto vero, ci siamo. L’invito a Pisapia alla festa dell’Unità di Milano è stato un passo naturale e importante. Le feste servono anche a questo».

    Da qualche anno sembrano un po’ appannate.
    «Le feste sono un’occasione straordinaria per confrontarci in modo aperto e popolare e voglio ringraziare soprattutto i militanti. Io ci sono cresciuto dentro le feste, che restano le nostre sentinelle sul territorio: un terreno di incontro fondamentale per migliaia di persone. A settembre ci sarà la festa nazionale, a Imola».

    E il tour in treno di Renzi.
    «Sarà importante per continuare il confronto con il Paese reale. Un viaggio che dà l’idea di un partito in movimento, in discussione, che si apre».

    A molti sembra ancora ultra renziano e poco aperto.
    «La pluralità deve essere la nostra forza e noi vogliamo lavorare in modo aperto. A ottobre ci sarà la conferenza programmatica e per prepararla abbiamo dato vita a un comitato che vedrà presenti me e Tommaso Nannicini, per la segreteria, Sergio Chiamparino, i ministri Graziano Delrio e Maria Elena Boschi, ma anche Andrea Orlando e Michele Emiliano. Alla Conferenza presenteremo il progetto per l’Italia del 2020, proprio mentre il Pd compie io anni di vita».

    Ci sarà un cambio di passo anche nel rapporto con i sindacati? Si dice che il ruolo di mediazione spetti a lei.
    «Per me è decisivo che il Pd diventi sempre di più il partito della mediazione sociale, di una nuova responsabilità sociale. Dobbiamo usare ago e filo per ricucire dove la società è strappata. Quanto ai sindacati, li abbiamo appena incontrati per discutere di sistema previdenziale e giovani».

    lus soli e legge sui vitalizi sono in bilico, problemi si annunciano anche per la legge di bilancio. II governo farà fatira ad arrivare a fine legistatura.
    «II Pd è sempre stato al fianco del premier Gentiloni. Non abbiamo mai cambiato idea, a differenza di chi, da sinistra, ci ha accusato con polemiche a vuoto di volere una fine anticipata della legislatura. Io credo che il governo debba rinforzare l’agenda sociale, spingendo ancora di più sul tema della lotta alle disuguaglianze e insistere su crescita e investimenti».

    Ma Ap si sta sgretolando e i numeri son scarsi.
    «Credo che Gentiloni abbia la forza per una proposta di responsabilità per il Paese. Poi ognuno, naturalmente, si prenderà le sue responsabilità».

    A essere contrari a un premio di coalizione, ormai, sono quasi solo Renzi e Grillo. È possibile che si riesca a lavorare su questo terreno?
    «Vedremo a settembre, ma mi pare uno scenario molto difficile: muoversi su un tema così delicato a pochi mesi dal voto non è facile. Quello che è certo è che non si può intervenire a colpi di maggioranza risicata: le regole del gioco si devono scrivere insieme e su questo serve un’intesa con Berlusconi, Salvini e Grillo».

  • Etichetta pasta e riso, l’Italia antipa l’Ue sulla massima trasparenza

    (Intervista a firma di Rosaria Amato pubblicata su La Repubblica del 21 luglio 2017)

    L’Italia accelera sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari: l’indicazione del Paese diventa obbligatoria anche per la pasta e per il riso, dopo le norme analoghe in materia di latte e formaggi. Anticipando Bruxelles, che ancora prende tempo sull’attuazione della normativa in materia di etichette trasparenti, ieri il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e quello dello Sviluppo Economico Carlo Calenda hanno annunciato la firma dei decreti che impongono non solo l’indicazione dei Paesi di produzione delle materie prime per la pasta e il riso, ma anche quelli di molitura per il grano e di lavorazione e confezionamento per il riso.

    Ministro Martina, lei ha parlato di “passaggio storico”. Perché è così importante la firma di questi decreti e perché non si poteva aspettare la normativa europea?

    «Abbiamo scelto di garantire la massima trasparenza ai cittadini, che adesso potranno finalmente leggere nell’etichetta il luogo di coltivazione, il luogo di lavorazione, tutte informazioni fondamentali per i consumatori. Tuteliamo anche i nostri produttori. E infatti non è un caso che l’Europa in questi lunghi anni, dopo l’approvazione del regolamento del 2011, non abbia reso operative quelle scelte di piena trasparenza non è facile. Noi invece non volevamo più aspettare per garantire la tracciabilità e la massima informazione ai cittadini sulle produzioni agroalimentari».

    Ci sono però produttori che obiettano che così l’etichetta non è completa, mancano le indicazioni sui sistemi di coltivazione e di lavorazione.

    «Queste indicazioni sono quelle che ci chiedeva la stragrande maggioranza dei consumatori e dei produttori. Così si irrobustisce la unicità delle produzioni italiane, e questo è una delle leve fondamentali della competitività dell’agroalimentare italiano. A questo punto auspichiamo che questa iniziativa italiana sia da pungolo e da stimolo perché nel più breve tempo possibile il regolamento Ue venga applicato in tutte le sue parti, chiudendo questa lunga fase di incertezza».

    Cosa vi aspettate da Bruxelles?

    «È ora di dare risposte concrete a imprese e cittadini. Serve una normativa europea più forte sull’origine degli alimenti. Col nostro provvedimento, che introduce una sperimentazione di due anni, vogliamo spronare la Commissione a decidere. Fino a quando Bruxelles non darà risposte, però, andremo avanti con determinazione».

    Molte organizzazioni vi chiedono di avere un atteggiamento altrettanto fermo con il Ceta, il trattato di libero scambio con il Canada. Lei ritiene che si sia fatto davvero tutto il possibile per tutelare le produzioni italiane?

    «Il Ceta è un punto di partenza, eppure segna un passo in avanti fondamentale. Io penso che con il lavoro che si è fatto con il Ceta si possa costruire un rafforzamento della protezione della produzione agroalimentare italiana nel mercato canadese. Per la prima volta in assoluto c’è il riconoscimento delle indicazioni geografiche tipiche in alternativa ai marchi, un precedente importantissimo».

    Si è scelto però di tutelare solo 41 delle nostre Dop e Igp.

    «Che rappresentano il 90% di questi prodotti che l’Italia esporta in Canada. Ma accetto la sfida per il futuro, vorrei anch’io andare oltre, tutelarne molte altre».